Corteggiamento ed accoppiamento Fagiano di Lady Amherst – Courtship and mating Lady Amherst Pheasant

Ciao a tutti,
volevamo porre l’attenzione sul fagiano di Lady Amherst, specie che possediamo dall’anno scorso, molto appariscente e che fin da subito ci ha dato grande soddisfazione.
– CENNI GENERALI
E’ una specie originaria delle foreste della Cina Sud-Occidentale e della Birmania e deve il suo nome alla moglie del governatore generale del Bengala, che per prima ne inviò alcuni esemplari a Londra nella prima metà dell’800.
– CARATTERE
Dalla nostra esperienza possiamo dire che è un animale molto pacifico, visto che ha spesso condiviso lo spazio della voliera con differenti specie di uccelli (Colini della Virginia, Calopsite e Cocorite) ed è molto tranquillo quando entriamo nel suo ambiente per le normali cure quotidiane.
– ASPETTO ESTERIORE
Non ci vogliamo dilungare troppo nella descrizione del piumaggio, visto che si può trovare dettagliata anche in una qualunque ricerca on line per immagini. Tenete però conto che, questa specie è facilmente ibridabile con il Fagiano Dorato e che spesso vengono venduti come Lady, incroci tra le due specie. Quindi attenzione alla scelta dei soggetti, considerando anche il fatto che il maschio di Lady raggiunge la colorazione completa al secondo anno di età. Due caratteristiche facili da osservare per riconoscere un fagiano Lady sono: il ventre, che non deve avere sbavature di colore ma deve essere completamente bianco e la coda, che deve avere delle barrature nere definite. Come in tutte le specie di fagiano, anche il Lady ha uno spiccato dimorfismo sessuale, la colorazione della femmina è molto dimessa e facilmente mimetizzabile con i colori del sottobosco.
DSC04762 (400x300) (300x225)
– ALIMENTAZIONE
Noi alimentiamo i nostri Lady con un misto granaglie per tortore e aggiunta di mais intero e mangime specifico per selvaggina. Sono molto ghiotti anche di verdura e soprattutto di frutta di ogni genere (melograno, kako, …).
-RIPRODUZIONE
Il fagiano Lady maschio raggiunge la livrea adulta al secondo anno di età, ma, per esperienza diretta, abbiamo visto che raggiunge la maturità sessuale già al suo primo anno. Infatti l’anno scorso, il nostro giovane maschio (come da video sotto) si è accoppiato con successo rendendoci orgogliosi di circa una decina di fagianotti.

L’accoppiamento avviene dopo un lungo corteggiamento che consiste sia in parate nuziali, in cui il maschio si pavoneggia davanti alla femmina tirando avanti le penne della mantellina e inarcando la schiena per mettere in risalto le penne dell’ala e della coda, sia in fischi e soffi continui con i quali cerca in tutti i modi di attirarne l’attenzione. In seguito sarà lei stessa ad avvicinarsi al maschio e a concedersi.

In questo breve video, quest’anno, siamo riusciti a cogliere il momento della copula della nostra coppia di fagiani. Da notare la livrea dello stesso maschio ormai completamente adulto.
– ALLEVAMENTO DEI FAGIANOTTI
Noi l’anno scorso, e probabilmente anche quest’anno, abbiamo optato per l’utilizzo dell’incubatrice e non per la cova naturale. Una volta raccolte le uova, le conserviamo in un luogo fresco e buio con il polo vegetativo (punta) rivolto verso il basso, fino ad averne un numero sufficiente (6-10) per iniziare l’incubata. Queste rimarranno in incubatrice per 28 giorni e si dovranno utilizzare le consuete attenzioni riservate anche per le uova di gallina(temperatura 37,5°C ed umidità a crescere arrivando attorno all’80% negli ultimi giorni).
Una volta nati, i fagianini, si gestiscono come comuni pulcini, mettendoli sotto una lampada infrarossi ed alimentandoli inizialmente con mangime primo periodo e poi sbriciolato proteico. Unica accortezza da tenere è che sono ottimi volatori e molto vivaci già da piccolissimi, quindi per evitare fughe teneteli in uno scatolone coperto e poi in una voliera ben sicura.
Covata3_3 (400x300) (2)
La differenza tra maschi e femmine inizia ad evidenziarsi già dal primo mese. Noi ci basiamo sulla comparsa di una macchia (lacrima) di colore giallo chiaro presente sotto l’occhio dei maschi, e che è ben evidente nel soggetto adulto.

Femmina e Maschio giovane in muta. Da notare la lacrime sotto l'occhio del maschio
Femmina e Maschio giovane in muta.
Da notare la lacrime sotto l’occhio del maschio

– CONCLUSIONI
Speriamo che questa breve guida vi possa essere di aiuto e che vi abbia fatto apprezzare quanto sia semplice occuparsi di questo animale rustico e molto appariscente allo stesso tempo.

Precedente Mostra Società Colombofila Espositrice ed Esposizione Ornitologica Internazionale